BOLIVIA, LA REGINA DELLE ANDE

 

Orizzonte di altipiani tormentati dal vento, vulcani e deserti di sale. La Bolivia è il paese più alto e remoto dell'emisfero australe, incastrato tra le Ande e l'Amazzonia.
Per metà è coperta dalla foresta tropicale ma è lassù tra le montagne, dove volteggiano i condor e il tempo modella i picchi rocciosi, che mostra la sua natura più estrema.


LA PORTA del paese è Desaguadero, desolato punto di frontiera con il Perù a 3850 metri sul livello del mare. Una lunga fila di persone aspetta di attraversare il confine a piedi; La Paz, la capitale più alta del mondo, è a sole due ore. I suoi grattacieli svettano in mezzo al canyon in cui è costruita, una distesa di edifici in mattoni si abbarbica sulle pareti rocciose che la circondano. La Paz ha quasi un milione di abitanti e un'atmosfera frizzante, con murales e venditori di popcorn a ogni angolo.

Tra la folla spuntano le bombette delle cholitas, le donne quechua o aymara che vestono in modo tradizionale con gonne colorate e capelli raccolti in due trecce corvine. Nel mercato della stregoneria i feti di lama essicati penzolano tra flauti di pan e berretti di lana d'alpaca. Sull'altopiano che la sovrasta, a 4000 metri, c'è El Alto: una città tentacolare e caotica da cui si gode una vista meravigliosa di La Paz e del monte Illimani (6402 metri).

  La Paz

La Paz

Per raggiungere Uyuni e la Bolivia sudoccidentale gli autobus impiegano quasi dodici ore perché dopo Oruro la strada diventa sterrata. Uyuni è una cittadina con tanta polvere e niente asfalto, una sfida contro il deserto, il vento e il gelo. L'unica attrazione è il "cimitero dei treni", dove carcasse di locomotive e vagoni sono abbandonate da decenni nella sabbia, accanto alla ferrovia.

Da qui partono le escursioni per il Salar e le lagune. In tre giorni di fuoristrada si percorrono quasi mille chilometri tra le montagne: si pranza riparati dalla jeep per difendersi dal vento, si dorme in rifugi spartani ai bordi del mondo. Il Salar de Uyuni è nato dal prosciugamento di un lago preistorico ed è la più grande distesa di sale sul pianeta: il terreno è candido, sagomato a esagoni, le rare volte che piove rispecchia il cielo e sembra di camminare sulle nuvole. In mezzo al deserto c'è l'Isla del pescado, una collina coperta di cactus alti anche dieci metri da cui si domina un paesaggio accecante.

  Salar de Uyuni, Isla del pescado

Salar de Uyuni, Isla del pescado

Quando si attraversa la ferrovia che porta in Cile il vulcano Ollague si staglia all'orizzonte. Il vento solleva mulinelli di sabbia, conche dalla terra grigio cemento si trasformano in pietraie color mattone, un attimo dopo le vigogne pascolano tra gli arbusti e la sabbia giallastra.

Le lagune compaiono come oasi del deserto, specchi d'acqua color pastello minacciati dalla mancanza di piogge. Nella Laguna Colorada, un lago rosso fuoco circondato da un alone bianco di borace, centinaia di fenicotteri zampettano nell'acqua alta qualche centimetro. Cinquanta chilometri a sud, a 5000 metri d'altezza, c'è il Sol del Mañana, un'area geotermale con pozze di fango ribollente, geyser e fumarole infernali.

Proprio al confine con il Cile ci sono la Laguna verde e il Vulcano Licancabur (5920). Dal confine partono i collegamenti per San Pedro de Atacama, la città cilena circondata dal deserto di cui porta il nome.

  Al confine con il Cile

Al confine con il Cile

  Laguna Hedionda

Laguna Hedionda

Tupiza è a sud di Uyuni, a sette ore di viaggio su strada sterrata. Appena si scende di quota compaiono cactus e cappelli da cow boy, l'Argentina è a un passo. Dalla città partono escursioni a cavallo, anche di più giorni: si dorme nei villaggi e si viaggia in un Far West di canyon tra il rio San Juan del Oro - speranza per i cercatori di pepite - e la sperduta Sant Vicente, dove finì la fuga dei criminali statunitesti Butch Cassidy e Sundance City.

  Tupiza

Tupiza

Con cinque ore di autobus si raggiunge Potosì, la città più alta del mondo - 170 mila persone a 4100 metri d'altezza - simbolo dello sfruttamento spagnolo dell'America Latina. La miniera d'argento del Cerro Rico è stata la più ricca esistente e Potosì la città più grande dell'emisfero. Dei fasti passati rimane ben poco: palazzi nobiliari fatiscenti, chiese maestose e la croce di 8 milioni di morti nelle cave.

Visitare la miniera è un'esperienza indimenticabile ma molto impegnativa. Ci si affida a delle guide, normalmente ex minatori: un goccio di alcol puro «che aiuta a trovare un filone d'argento puro», un manciata di foglie di coca in bocca e via, sotto terra. Il caldo e la polvere diventano presto insopportabili: si striscia in cunicoli umidi e soffocanti, ci si cala in voragini oscure reggendosi a vecchie travi di legno. Due ore di visita lasciano stremati.

Il Cerro Rico dà impiego ogni giorno a quindicimila persone, il lavoro minorile è vietato ma le autorità non riescono a impedirlo.

L'elegante Sucre, capitale costituzionale del paese e Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, è a poche ore di autobus. I suoi bianchi edifici coloniali sono ben conservati, i mercati sono pieni di frutta e verdura perché la città è a "soli" 2800 metri d'altitudine. A poco meno di 300 chilometri c'è La Huigera, un villaggio di appena venti case entrato nella storia: qui, nel 1967, fu ucciso Che Guevara.

Per arrivare a Copacabana sul Lago Titicaca - il lago navigabile più alto al mondo, a 3850 metri - bisogna passare da La Paz. Con due ore di barca si arriva all'Isla del Sol. Il sole è rovente, nuvolette spumose decorano un cielo blu come il mare. La popolazione vive coltivando i campi su terrazzamenti incaici, circondata da decine di rovine di precolombiane.

L'isola era nota un tempo come "Titicaca", la "Roccia del Puma". Qui si è scritta la mitologia di un continente: una passato distrutto da conquiste e devastazioni, intrecciato con le fantasie e i ricordi di una civiltà senza libri. Secondo le popolazioni che abitano queste montagne nel Titicaca nacquero la storia, l'uomo, la religione. Dalle acque del lago sorse Viracocha, divinità barbuta dei Tiwanaco e degli Inca, il "Maestro del mondo" Dio dell'impero del sole.

Dal buio creò il cielo, la luna, le stelle, il Sole. E fu proprio il Sole a dare vita ai primi inca Manco Capac e la sorella sposa Mama Ocllo: avrebbero fondato una città e un tempio in suo onore, laddove la verga d'oro che tenevano in mano fosse sprofondata al lancio. Accade a Cuzco. Gli Inca terrazzarono i monti, calcolarono le stelle ed eressero il Tempio: diventarono la civiltà sovrana delle Ande, prima di esser sterminati dagli spagnoli e affascinare il mondo per i secoli a venire.